La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 26533 del 9.11.2017, ha stabilito che spetta al condominio l’onere di risarcire le vittime di un sinistro causato dalla caduta della cabina nell’ascensore dell’edificio, anche se l’incidente è stato determinato da un errore di progettazione dell’impianto.

Secondo la Suprema Corte, non ricorre il caso fortuito idoneo ad escludere la responsabilità del condominio anche qualora la cosa oggetto di custodia abbia provocato il danno in conseguenza di un vizio costruttivo.

Per i supremi Giudici, infatti, il “fatto del terzo” integra gli estremi del caso fortuito, tale da escludere la responsabilità del custode di cui all’art. 2051 c.c., solo se si tratta della condotta di un soggetto, estranea al custode, di per sé idonea a provocare il danno a prescindere dall’uso della cosa.