Il caso: un membro del CdA di una società lombarda ha impugnato una delibera assunta dal CdA ed ha chiesto al Tribunale di Milano di nominare un curatore speciale della società ex art. 78 c.p.c.  Il Presidente del Tribunale di Milano ha rigettato tale richiesta confermando l’orientamento giurisprudenziale per il quale la mera impugnazione della delibera non comporta di per sé un conflitto di interessi dei consiglieri che l’hanno approvata. Per giustificare la nomina di un curatore speciale è necessaria la sussistenza di un interesse contrario, autonomo e confliggente con quello della società.