La controversia riguardante l’impugnazione della deliberazione della giunta comunale recante la nomina del rappresentante del comune nel consiglio di amministrazione di una società per azioni interamente partecipata da enti locali, appartiene alla giurisdizione del giudice ordinario, stante la natura di diritto soggettivo della posizione coinvolta oggetto di contestazione e l’assenza di una specifica attribuzione al giudice amministrativo, per tale fattispecie, di una giurisdizione su diritti. Lo hanno stabilito le Sezioni Unite della Cassazione con una recentissima sentenza del 3 Ottobre 2016.

(Cassazione Sez. Un. Civili 03 ottobre 2016, n. 19676 – Pres. Rordorf – Est. Frasca).