La musica riparte da Verona con un progetto straordinario per un momento straordinario, dal titolo “Da Verona accendiamo la musica”.

Un progetto artistico e sociale per la musica italiana, lanciato da Music Innovation Hub Spa – Impresa Sociale (MIH), organizzato e prodotto dalle più importanti agenzie italiane di musica dal vivo – Friends&Partners, Live Nation e Vivo Concerti – in collaborazione con Arena di Verona srl e Gianmarco Mazzi, R&P Legal, Librerie Feltrinelli e con i contributi di Vertigo e Magellano.

I proventi di tutti gli eventi della settimana andranno ad alimentare il Fondo Covid19-Sosteniamo la musica, gestito da MIH con il contributo di Spotify e promosso da FIMI, in partnership con AFI, PMI e NUOVOIMAIE e rivolto ai lavoratori della filiera musicale, pensato per le categorie più colpite dal covid: artisti emergenti e lavoratori intermittenti, che sono il cuore pulsante e silenzioso della industria musicale. Sono gli invisibili, quelli che non si vedono, ma senza cui la musica non sarebbe possibile. Svolgono un lavoro prezioso e sono tra le categorie più colpite dagli effetti della pandemia.

Un‘iniziativa – che coinvolge oltre 70 artisti, 350 musicisti e tecnici – all’Arena di Verona che avrà un palco eccezionalmente posizionato al centro, con una visuale a 360 e il pubblico distanziato e distribuito su tutte le gradinate circolari. Uno dei più importanti monumenti al mondo, patrimonio artistico italiano e globale, diventa così simbolo e venue di questo grande appuntamento.

Si parte con i MUSIC AWARDS, il 2 e 5 settembre in prima serata, in diretta, su Raiuno e si chiude con “HEROES – il Futuro inizia adesso”, un evento unico della durata di 5 ore (dalle 19.00 alle 24.00). Durante la settimana prenderanno inoltre vita una serie di incontri tematici e workshop con i maggiori operatori del settore.

I proventi della vendita dei biglietti, al netto dei costi di produzione, della Siae e dell’Iva, andranno ad alimentare il Fondo Covid-19. Attivando un’innovativa modalità di raccolta a beneficio sociale.

Nella città scaligera, per l’intera settimana, arriveranno i più grandi artisti italiani, molti dei quali hanno visto rimandati al 2021 i loro concerti. Un ritorno sul palco a sostegno dei lavoratori dello spettacolo, categoria spesso dimenticata ma a cui va riconoscenza e gratitudine per il lavoro prezioso e invisibile che svolgono