La CGE si è pronunciata in merito all’interpretazione dell’art. 5, par. 2, a)-b), DIR. 2001/29, specificando che tali disposizioni (1) impongono di differenziare l’entità dell’equo compenso in relazione alle diverse tipologie di utenti e non consentono alla normativa nazionale (2) di assegnare agli editori una parte dell’equo compenso (3) di istituire un sistema di riscossione dell’equo compenso indifferenziato che ricomprenda anche le riproduzioni di spartiti e di riproduzioni contraffatte e (4) di prevedere due forme di remunerazione, una a monte dell’operazione di riproduzione e una a valle della stessa, se la prima sia calcolata unicamente in funzione della velocità dell’apparecchio nel realizzare le riproduzioni e la seconda cambi a seconda che il debitore abbia cooperato o meno alla riscossione di tale remunerazione.

Link alla fonte