di Laura Demelas e Vincenzo D’Antoni

I condhotel sono “esercizi alberghieri … che forniscono alloggio, servizi accessori ed eventualmente vitto, in camere destinate alla ricettività e, in forma integrata e complementare, in unità abitative a destinazione residenziale …”. L’elemento distintivo è quindi la convivenza tra funzione alberghiera e residenziale.

 

Con il DPCM n. 13/18 in attuazione della L. 164/14 (“Sblocca Italia”) sono state declinate le relative condizioni d’esercizio, volte a diversificare l’offerta turistica e favorire gli investimenti diretti alla riqualificazione degli esercizi esistenti.

L’Emilia-Romagna con L. Reg. del 17.4.2019 ha meglio ancora definito regole e requisiti per avviare e gestire tali strutture, tra l’altro con l’obiettivo di fidelizzare la clientela internazionale. Ottimo esempio di armonizzazione tra normativa regionale e statale.