Il Ministero dei Beni e delle attività culturali ha stanziato 100 milioni di euro per il settore del cinema per sostenere:

a)     la realizzazione di nuove sale o il ripristino di sale inattive, anche mediante acquisto di locali per l’esercizio cinematografico e per i servizi connessi;

b)    la trasformazione delle sale esistenti in multisala;

c)     la ristrutturazione e l’adeguamento strutturale e tecnologico delle sale cinematografiche esistenti;

d)    l’installazione, ristrutturazione e rinnovo delle apparecchiature e degli impianti, anche digitali, e servizi accessori alle sale cinematografiche;

e)     la riattivazione di sale cinematografiche chiuse o dismesse.

I contributi in conto capitale o interesse sono fruibili dalle imprese cinematografiche nonché dai proprietari di sale cinematografiche