Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, il disegno di legge contenente la nuova “Disciplina del cinema, dell’audiovisivo e dello spettacolo”. Tante le novità introdotte, soprattutto negli strumenti di sostegno pubblico all’industria del cinema e dell’audiovisivo, con l’istituzione di un “Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e l’audiovisivo”. Previsto un aumento delle risorse disponibili di 150 milioni di euro (che porta il fondo ad un minimo di 400 milioni di Euro annui) e l’introduzione di un meccanismo virtuoso di autofinanziamento sul modello francese. Potenziati anche i tax credit per la produzione e la distribuzione cinematografica e audiovisiva, mentre il fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, oltre al cinema, verrà esteso all’audiovisivo in genere. Tra i cambiamenti annunciati, sono inoltre previste più efficaci e trasparenti procedure sulle quote di investimento e programmazione in opere europee che devono rispettare emittenti televisive e fornitori on line e l’emanazione del “Codice dello spettacolo”, con delega al Governo per l’adozione dei provvedimenti necessari.  

Link alla fonte