Giunge inaspettata la decisione della Suprema Corte del Popolo Cinese che accerta la contraffazione del marchio Ermenigildo Zegna da parte del brand Yves Zegnoa.

La decisione emessa dalla Suprema Corte stravolge dunque le decisioni dei precedenti gradi di giudizio che avevano escluso la sussistenza di alcuna violazione e consente così al titolare del marchio Ermenegildo Zegna di porre fine alla vicenda che era pendente da ormai cinque anni. Un operatore cinese, infatti, commercializzava prodotti a marchio Yves Zegnoa enfatizzando unicamente l’ultima parte del brand e causando così un evidente rischio di confusione con il noto brand italiano, che gode di notorietà anche in Cina.

L’importanza della decisione e dell’epilogo della controversia è evidente, in quanto si tratta del primo caso in cui la Cina ha riconosciuto espressa tutela ad un diritto di proprietà intellettuale straniero.