Con la Legge di Bilancio 2017 sono state incrementate le agevolazioni fiscali riconosciute in favore delle start-up c.d. “innovative”, il cui oggetto sociale (esclusivo o prevalente) sia lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Fra le novità più rilevanti: l’abolizione dell’imposta di bollo e dei diritti di segreteria sull’atto costitutivo, l’aumento delle detrazioni fiscali dal 19% al 30% e l’innalzamento dell’investimento massimo detraibile da 500 mila ad 1 milione di euro.

I contribuenti che vorranno beneficiare di tali agevolazioni, tuttavia, dovranno investire risorse nel capitale delle start-up innovative (non più per due, ma) per almeno tre anni.