Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Con il D.P.C.M. 29 settembre 2015, n. 178 il governo dà il via libera al Fascicolo Sanitario Elettronico

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 178/2015 contenente il regolamento in materia di Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE). Lo scopo principale del FSEsarà quello di fornire al paziente un’assistenza tempestiva e qualitativamente efficiente, offrendo ai medici di medicina generale ed ai pediatri di libera scelta uno strumento che consenta loro di avere a disposizione, in formato elettronico, un rapido e completo inquadramento clinico del paziente, con particolare riguardo a tutte le attività assistenziali e di cura rivolte al paziente nel corso della sua vita.

Il FSE potrà essere istituito dalle Regioni e dalle Province Autonome e sarà redatto, nel necessario rispetto della normativa sulla protezione dei dati personali (D.Lgs. n. 196/2003), dal personale delle ASL e delle strutture sanitarie, dai medici convenzionati con il SSN e da quelli non convenzionati, purché ne abbiano titolo e operino all’interno del SSN.

Molte, inoltre, le novità introdotte dal decreto, tra cui: la previsione della possibilità che il FSE possa essere alimentato dal paziente stesso, al fine di permettere la documentazione di tutte le visite e dei trattamenti terapeutici effettuati dal paziente a livello privato, e il cd. “Profilo sanitario sintetico” (Patient Summary), un documento redatto dal Medico di medicina generale o dal Pediatra di libera scelta che riassume la storia clinica dell’assistito e la sua situazione di salute corrente.

Leggi qui il testo integrale del decreto

Leave a comment

La “Certificazione B Corporation” è un marchio che viene concesso in licenza da B Lab, ente privato no profit, alle aziende che, come la nostra, hanno superato con successo il B Impact Assessment (“BIA”) e soddisfano quindi i requisiti richiesti da B Lab in termini di performance sociale e ambientale, responsabilità e trasparenza.

Si specifica che B Lab non è un organismo di valutazione della conformità ai sensi del Regolamento (UE) n. 765/2008 o un organismo di normazione nazionale, europeo o internazionale ai sensi del Regolamento (UE) n. 1025/2012.

I criteri del BIA sono distinti e autonomi rispetto agli standard armonizzati risultanti dalle norme ISO o di altri organismi di normazione e non sono ratificati da parte di istituzioni pubbliche
nazionali o europee.