Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Focus | Verso l’entrata in vigore della CSDDD: i nuovi scenari in materia di responsabilità degli amministratori

Nel corso del 2024 è prevista l’entrata in vigore della Corporate Sustainability Due Diligence Directive (CSDDD) UE: significa che, per legge, tante imprese saranno tenute a guardare alla propria filiera attraverso le lenti dell’ESG.

Come arrivare preparati? Un gruppo di professionisti RPLT ha preparato un Focus per spiegarlo: si parla, tra le altre cose, delle nuove responsabilità degli amministratori in ambito ESG.

In termini pratici, con l’entrata in vigore della CSDDD le imprese europee – e le imprese con sede in Stati extra-UE, ma operanti all’interno dell’Unione Europea – in conformità alle disposizioni di recepimento della CSDDD adottate dal proprio ordinamento di riferimento – dovranno:

  1. adottare una serie di controlli e presidi volti ad accertare che gli operatori lungo la filiera svolgano la propria attività in modo sostenibile e ad individuare le potenziali aree di rischio di condotte non sostenibili;
  2. adempiere ad obblighi di reporting e di comunicazione agli stakeholder in relazione all’impatto della propria catena di valore.

La CSDDD prevede da ultimo che le imprese pongano in essere le iniziative necessarie a ridurre le emissioni di gas delle proprie attività in linea con gli obiettivi degli Accordi di Parigi.

Indice del contributo:

  1. La CSDD e i suoi contenuti
  2. L’accordo provvisorio di Parlamento, Consiglio e Commissione europea
  3. Il ruolo degli amministratori alla luce delle disposizioni della CSDDD
  4. La responsabilità degli amministratori in ambito ESG

Clicca qui per scaricare il documento completo (PDF, 7 pagine)

Leave a comment