Con la sentenza pronunciata lo scorso 21 aprile nella controversia insorta tra la società di collecting austriaca e Amazon (causa C‑572/14), la Corte di Giustizia UE è intervenuta in materia di competenza giurisdizionale con riferimento al pagamento dell’equo compenso per copia privata. A parere della Corte, poiché tale compenso è volto a risarcire i titolari dei diritti del danno originato dalla realizzazione di copie private, la domanda di risarcimento di tale danno rientra nella materia di illeciti civili dolosi o colposi. Pertanto, con riferimento ai supporti di registrazione impiegati per effettuare le copie private e venduti da Amazon sulla rete Internet, sono competenti i giudici austriaci laddove l’evento dannoso, ovvero la prima immissione in circolazione dei supporti, si sia verificato in Austria.

Link alla fonte