Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

La gestione della crisi anche alla luce del nuovo Codice: aspetti operativi e luci ed ombre della nuova normativa

Luca Finocchiaro, Partner di RP Legal & Tax e responsabile del Laboratorio Giuridico sulla Crisi d’Impresa del Centro Studi Borgogna, in collaborazione con il Centro Studi Borgogna presenta un nuovo Ciclo di incontri che si propone di passare in rassegna gli aspetti principali della normativa in materia di crisi d’impresa, con un taglio operativo e con uno sguardo in controluce sulle opportunità, ma anche sui potenziali rischi, derivanti dall’entrata in vigore del nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

Strutturato in cinque appuntamenti calendarizzati da marzo a luglio 2021, questo nuovo ciclo di incontri ha come titolo “La gestione della crisi anche alla luce del nuovo Codice: aspetti operativi e luci ed ombre della nuova normativa” e potrà essere seguito liberamente attraverso i canali YouTube e Facebook del Centro Studi Borgogna.

Il primo incontro dal titolo “Il concordato preventivo nel nuovo Codice della crisi di Impresa e dell’Insolvenza” si terrà mercoledì 24 marzo ore 18.00 – 19.00.

Il Ciclo di incontri si aprirà con un’analisi sugli aspetti principali della disciplina del concordato preventivo, con un taglio operativo, e con uno sguardo in controluce sulle opportunità ma anche sui potenziali rischi derivanti dall’entrata in vigore del nuovo Codice della crisi di Impresa e dell’insolvenza.

Download Brochure

Leave a comment

La “Certificazione B Corporation” è un marchio che viene concesso in licenza da B Lab, ente privato no profit, alle aziende che, come la nostra, hanno superato con successo il B Impact Assessment (“BIA”) e soddisfano quindi i requisiti richiesti da B Lab in termini di performance sociale e ambientale, responsabilità e trasparenza.

Si specifica che B Lab non è un organismo di valutazione della conformità ai sensi del Regolamento (UE) n. 765/2008 o un organismo di normazione nazionale, europeo o internazionale ai sensi del Regolamento (UE) n. 1025/2012.

I criteri del BIA sono distinti e autonomi rispetto agli standard armonizzati risultanti
dalle norme ISO o di altri organismi di normazione e non sono ratificati da parte di istituzioni pubbliche
nazionali o europee.