Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

News | RP Legal & Tax nella revoca del sequestro conservativo da 17 milioni di euro a carico della gestione dei ben...

RP Legal & Tax, con un team guidato dal Partner Lorenzo Lamberti, ha ottenuto la revoca del sequestro conservativo disposto a carico di due degli amministratori della Società Parcolimpico S.r.l., concessionaria per la gestione dei beni olimpici di Torino 2006.

La misura cautelare, per un importo complessivo pari a oltre 17 milioni di euro, era stata disposta in un primo momento “inaudita altera parte” e su richiesta “ante causam” della Procura Regionale presso la Sezione giurisdizionale per la Regione Piemonte della Corte dei conti, secondo la quale la cattiva gestione dei beni in concessione ne aveva causato il deprezzamento, con conseguente danno erariale.

Il sequestro è stato tuttavia revocato dal Giudice designato della Corte dei conti, dr.ssa Olessina, che, con ordinanza n. 6/2022, anche alla luce delle puntuali argomentazioni delle difese, ha affermato come la Procura non abbia perimetrato correttamente l’ammontare del danno e non abbia dimostrato né la sua attualità, né la sua riferibilità alla condotta delle parti e neppure l’esistenza dell’indefettibile requisito del periculum in mora.

A seguito dell’impugnazione dell’ordinanza da parte della Procura contabile, la Corte dei conti si è poi pronunciata anche in composizione collegiale. Con ordinanza n. 16/2022 del 15 marzo 2022 (Presidente C. Pinotti, Relatore C. Baldi) il Collegio, dopo avere  ribadito “il difetto di prova del requisito del periculum in mora”, stante le insufficienti deduzioni addotte dalla Procura contabile, ha respinto il reclamo e confermato la decisione di revoca integrale del sequestro.

Con il partner Lorenzo Lamberti hanno lavorato al caso il partner Pasquale Morra e gli Associates Angelo Melpignano e Aurelio Fortezza.

Leave a comment

La “Certificazione B Corporation” è un marchio che viene concesso in licenza da B Lab, ente privato no profit, alle aziende che, come la nostra, hanno superato con successo il B Impact Assessment (“BIA”) e soddisfano quindi i requisiti richiesti da B Lab in termini di performance sociale e ambientale, responsabilità e trasparenza.

Si specifica che B Lab non è un organismo di valutazione della conformità ai sensi del Regolamento (UE) n. 765/2008 o un organismo di normazione nazionale, europeo o internazionale ai sensi del Regolamento (UE) n. 1025/2012.

I criteri del BIA sono distinti e autonomi rispetto agli standard armonizzati risultanti dalle norme ISO o di altri organismi di normazione e non sono ratificati da parte di istituzioni pubbliche
nazionali o europee.