Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Pacchetti turistici e servizi online collegati: più tutele per i viaggiatori.

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea dell’11 dicembre 2015 la direttiva n. 2015/2302/UE, relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati. Tra le principali novità: (i) previsione di medesime tutele a prescindere dal fatto che l’acquisto del pacchetto sia effettuato online oppure per il tramite di agenzie di viaggio; (ii) individuazione di due tipologie di contratto di pacchetto turistico: le offerte a pacchetto, in cui i servizi sono combinati da un unico professionista, anche su richiesta del viaggiatore, e il sistema di prenotazione di viaggi online, denominato “servizi turistici collegati”, che permette ai consumatori di essere guidati alla prenotazione di servizi supplementari, ad esempio mediante un link disponibile dopo la prenotazione di un volo; (iii) maggiori obblighi informativi a carico dell’organizzatore e del venditore del pacchetto turistico; (iv) possibilità di risolvere il contratto a pacchetto e ottenere il rimborso del denaro versato in caso di aumento del prezzo oltre l’8% ovvero per l’ipotesi in cui eventi imprevedibili (es. cataclismi naturali, attacchi terroristici)  dovessero interessare il luogo di destinazione. Gli Stati membri dell’Unione hanno tempo sino al 1° gennaio 2018 per conformarsi alle nuove disposizioni dettate dalla direttiva

Leggi qui il testo integrale del provvedimento

Leave a comment

La “Certificazione B Corporation” è un marchio che viene concesso in licenza da B Lab, ente privato no profit, alle aziende che, come la nostra, hanno superato con successo il B Impact Assessment (“BIA”) e soddisfano quindi i requisiti richiesti da B Lab in termini di performance sociale e ambientale, responsabilità e trasparenza.

Si specifica che B Lab non è un organismo di valutazione della conformità ai sensi del Regolamento (UE) n. 765/2008 o un organismo di normazione nazionale, europeo o internazionale ai sensi del Regolamento (UE) n. 1025/2012.

I criteri del BIA sono distinti e autonomi rispetto agli standard armonizzati risultanti dalle norme ISO o di altri organismi di normazione e non sono ratificati da parte di istituzioni pubbliche
nazionali o europee.