Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Pubblicazione di sentenze e protezione dei dati personali: per la Cassazione prevale il diritto alla riservatezza

Con sentenza n. 10510/2016, la Corte di Cassazione ha statuito che, in tema di trattamento di dati sensibili, è illecita la pubblicazione su un sito internet liberamente accessibile al pubblico di un provvedimento giurisdizionale indicante lo stato di salute del ricorrente pur in assenza di un’espressa istanza in tal senso formulata dall’interessato ex art. 52 del Codice Privacy.

La Suprema Corte, cassando la sentenza emessa dal Tribunale di Palermo, ha disposto la non pubblicazione dei dati dell’interessato all’interno del provvedimento di primo grado sulla base di quanto previsto dall’art. 22 del Codice Privacy e dalle “Linee guida del Garante Privacy sul trattamento dei dati personali nella riproduzione dei provvedimenti giurisdizionali”, i quali prevedono, rispettivamente, che i dati inerenti lo stato di salute non possono essere in alcun modo diffusi e che la salvaguardia del diritto alla riservatezza degli interessati attraverso l’oscuramento delle loro generalità non pregiudica la finalità di informazione giuridica.

Link alla fonte

Leave a comment

La “Certificazione B Corporation” è un marchio che viene concesso in licenza da B Lab, ente privato no profit, alle aziende che, come la nostra, hanno superato con successo il B Impact Assessment (“BIA”) e soddisfano quindi i requisiti richiesti da B Lab in termini di performance sociale e ambientale, responsabilità e trasparenza.

Si specifica che B Lab non è un organismo di valutazione della conformità ai sensi del Regolamento (UE) n. 765/2008 o un organismo di normazione nazionale, europeo o internazionale ai sensi del Regolamento (UE) n. 1025/2012.

I criteri del BIA sono distinti e autonomi rispetto agli standard armonizzati risultanti dalle norme ISO o di altri organismi di normazione e non sono ratificati da parte di istituzioni pubbliche
nazionali o europee.