Tra le novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016, emerge l’introduzione del divieto di trasmettere pubblicità di giochi con vincita in denaro, nelle trasmissioni radiofoniche e televisive generaliste, dalle ore 7 alle ore 22 di ogni giorno. Fanno eccezione solo i media specializzati, da individuarsi con successivo decreto, le lotterie nazionali e le forma di comunicazione indiretta derivanti dalle sponsorizzazioni nei settori della cultura, della ricerca, dello sport, nonché nei settori della sanità e dell’assistenza. Ulteriori norme per la pubblicità di marchi o prodotti di giochi con vincite in denaro verranno emanate tenendo conto dei principi previsti dalla Raccomandazione della Commissione Europea 2014/478/Ue del 14 luglio 2014. Sanzioni pecuniarie da centomila a cinquecentomila euro sono state previste per i trasgressori.