Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Commissione UE: in arrivo il nuovo Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali nelle comunicazioni e...

In data 10.1.2017, la Commissione UE ha presentato al Parlamento ed al Consiglio Europeo una proposta di “Regolamento in materia di trattamento dei dati personali e tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche”, volto a rafforzare la sicurezza nel mercato unico digitale.

Tale nuova normativa – che, ove approvata, sostituirà la Direttiva 2002/58/CE e sarà direttamente applicabile in tutti gli Stati Membri UE – si allinea ai principi previsti dal Regolamento  679/2016 sulla protezione dei dati personali (es: richiamo integrale delle “definizioni” di cui all’art. 4 del GDPR e previsione di sanzioni molto elevate, fino a 20 mln di euro o al 4% del fatturato annuo) e prevede, tra le sue novità: (i) la tutela della riservatezza degli utenti anche nei confronti delle comunicazioni elettroniche veicolate dai nuovi operatori del mercato “non tradizionali” (quali WhatsApp, Facebook Messenger, Skype); (ii) la protezione dei cd. “metadati” (es: siti web visitati, orario e luogo delle telefonate), da anonimizzare o eliminare in caso di mancato consenso degli utenti; (iii) la semplificazione della disciplina sui cookie (non sarà più necessario ottenere il consenso degli utenti per l’utilizzo di cookie tecnici o di sessione); (iv) il divieto assoluto di comunicazioni elettroniche indesiderate in assenza del previo consenso degli utenti ed indipendentemente dallo strumento utilizzato (e-mail, sms, ecc.).

Link alla fonte

Leave a comment

La “Certificazione B Corporation” è un marchio che viene concesso in licenza da B Lab, ente privato no profit, alle aziende che, come la nostra, hanno superato con successo il B Impact Assessment (“BIA”) e soddisfano quindi i requisiti richiesti da B Lab in termini di performance sociale e ambientale, responsabilità e trasparenza.

Si specifica che B Lab non è un organismo di valutazione della conformità ai sensi del Regolamento (UE) n. 765/2008 o un organismo di normazione nazionale, europeo o internazionale ai sensi del Regolamento (UE) n. 1025/2012.

I criteri del BIA sono distinti e autonomi rispetto agli standard armonizzati risultanti
dalle norme ISO o di altri organismi di normazione e non sono ratificati da parte di istituzioni pubbliche
nazionali o europee.